Con l’aggravarsi della pandemia stanno rapidamente aumentando i casi di operatori sanitari positivi al Coronavirus che, anche se asintomatici o paucisintomatici, non possono lavorare né in corsia né tanto meno all’interno delle Rsa per anziani fino alla completa negativizzazione.

Questa situazione si traduce in una pericolosa carenza di personale che rischia di pregiudicare l’assistenza alle persone più fragili.

Per scongiurare tutto questo, il sindaco di Giaveno, Carlo Giacone, ha lanciato un accorato appello a tutti coloro che dispongono di una qualifica di infermiere o di oss, oppure anche soltanto di volontario in qualche associazione che opera nel settore, affinché si facciano avanti e diano la loro disponibilità a essere “arruolati” e immediatamente operativi all’interno di alcune Rsa giavenesi.

Nel nostro comune ci sono molte Rsa, facenti capo a istituzioni sia religiose sia laiche — ha scritto il primo cittadino sui social —. Siamo stati avvertiti dai medici di famiglia e dai responsabili delle strutture che, in questo momento, molti dipendenti sono in malattia o comunque impossibilitati a svolgere il proprio lavoro, sempre a causa del Covid-19. Questo crea non pochi problemi agli ospiti anziani delle strutture e in particolare in quelle Rsa dove si stanno sviluppando veri e propri focolai“.
Chi ha i requisiti richiesti ed è interessato può inviare la propria candidatura via mail a: segreteriasindaco@giaveno.it 

 

© Riproduzione riservata