I dati aggiornati sull’emergenza sanitaria legata al Coronavirus nel Comune di Avigliana mostrano numeri in linea con quelli del territorio.

Al 10 aprile il bilancio è di 3 deceduti, 7 ospedalizzati, 18 in abitazione. Sono 3 i pazienti non residenti ad Avigliana ricoverati in strutture di continuità a valenza ospedaliera, altri 22 sono attualmente in quarantena fiduciaria al proprio domicilio. Infine un aviglianese contagiato si trova nella casa di cura di un Comune vicino.

L’emergenza e gli anziani

Particolare attenzione è rivolta proprio agli anziani. A partire da martedì 14 aprile, gli ultrasettantacinquenni saranno contattati telefonicamente dalla Protezione Civile del Comune di Avigliana per conoscere se in questo periodo difficile abbiano necessità o esigenze particolari: sarà l’occasione per informarli dei servizi avviati sul territorio, tra i quali la consegna a domicilio di generi alimentari e medicinali, attiva fin dall’inizio dell’emergenza.

Pensione a domicilio

Inoltre, come previsto nella recente convenzione stipulata tra Poste e Arma dei Carabinieri, i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che riscuotono la pensione in contanti potranno richiedere la consegna della pensione a domicilio per la durata dell’emergenza, delegando al ritiro i Carabinieri ed evitando così di dovere andare negli Uffici postali. Sarà sufficiente telefonare al comando cittadino e fornire le proprie generalità.

Una buona notizia: sul territorio le due Rsa, residenze sanitarie assistenziali, di Avigliana continuano a essere senza pazienti con Covid-19. Le misure di contenimento sono state efficaci e in questo momento non si sono riscontrati casi di positività al virus.

Controlli anche a Pasqua

Il Ministero dell’Interno ha richiesto alle Prefetture che siano rafforzati i controlli per le festività pasquali. In questa direzione nel fine settimana le forze dell’ordine con il concorso delle polizie locali dei Comuni di maggiori dimensioni vigileranno sulla mobilità delle persone, sugli assembramenti e sul rispetto delle prescrizioni disposte per gli esercizi commerciali. Le maggiori violazioni riguardano il divieto di mobilità.

Le sanzioni disposte prevedono il pagamento di una somma da 400 a 3000 euro, con ulteriori aumenti in caso di violazioni commesse con l’utilizzo dell’auto.

Anche ad Avigliana sarà presente una pattuglia della Polizia municipale per tutto il week end lungo, così come negli ultimi giorni, soprattutto rispondendo alle numerose segnalazioni dei cittadini.

«Ricordo in particolare – dichiara il sindaco Andrea Archinà – che è vietato l’accesso anche alle aree del Parco naturale dei laghi di Avigliana dove nello scorso week end sono state segnalate numerose presenze. Queste belle giornate di festa certamente sarebbero in tempi normali un incentivo a godere del sole e delle miti temperature, ma sforziamoci di osservare tali regole basilari con responsabilità. E non cerchiamo di arginarle soltanto per paura di una possibile sanzione, evitando d’altro canto di invocare l’intervento delle forze dell’ordine a ogni movimento sospetto. I tagli alla Sanità degli ultimi anni vanno di pari passo con quelli che limitano gli impieghi di personale. Non disponiamo di risorse infinite, aiutateci a impiegarle là dove veramente c’è bisogno».

© Riproduzione riservata