Dopo la parentesi arancione di domani, sabato 9 gennaio, e dopodomani, domenica 10, il Piemonte tornerà a essere zona gialla da lunedì 11 gennaio.

Lo ha annunciato poco fa il presidente della Regione, Alberto Cirio: “Il Piemonte sarà zona gialla almeno fino a sabato 16. Lo confermano i dati dell’ultimo report validato nel pomeriggio dal Ministero della Salute e dall’Istituto superiore di sanità. Pur avendo un Rt sotto l’1 che ci permette di restare in zona gialla è, però, fondamentale per tutti noi non abbassare il livello di attenzione, perché i dati confermano una circolazione del virus alta in Italia, con valori che in tutte le regioni vanno verso l’arancione. Se oggi il Piemonte ha una situazione epidemiologica migliore di altre regioni è perché raccogliamo i frutti dei sacrifici fatti finora, che è fondamentale non vanificare“.

Da lunedì 11 si potrà dunque circolare liberamente all’interno della regione dalle 5 alle 22. Tutti i negozi saranno aperti, compresi bar e ristoranti. Questi ultimi potranno però effettuare il servizio al tavolo soltanto fino alle 18. Da quell’ora e fino alle 22 sarà consentito l’asporto.

Come ammesso dallo stesso presidente, tuttavia, i dati stanno lentamente ma costantemente peggiorando da diversi giorni consecutivi e una nuova stretta alla libertà di movimento delle persone potrebbe imporsi già a partire da domenica 17 gennaio.

© Riproduzione riservata