Bussoleno

Da migrante a operatore: la bella storia di Arnaud Yao

Un regalo di Natale davvero bello è quello costituito da una storia di riscatto. Una storia che attraversa la sofferenza, e che infine si sviluppa e si concretizza in una storia di speranza anche per gli altri, una storia dunque condivisa. Un storia viva. E questa è proprio la storia di Arnaud Yao, un giovane della Costa d’Avorio di 28 anni, che oggi è diventato un vero valsusino, abitante a Novaretto, e soprattutto un operatore della cooperativa Talità Kum, quella che gestisce il rifugio Fraternità Massi di Oulx.

Servizio su La Valsusa del 21 dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.