Borgone passa dal vino all’olio. Va in pensione (per mancanza di produttori) il concorso enologico e la lascia spazio alla Sagra dell’Olio Valsusa, in programma sabato 19 e domenica 20 giugno, e che arriva dopo la versione “smart” dedicata al canestrello di Vaie.

Sarà di fatto, una sorta di “edizione zero”, quasi sperimentale. Gli uliveti (come del resto i vigneti) sono coltivazioni che in valle di Susa hanno una storia ultramillenaria, tanto che le testimonianze antiche olivicoltura in Valle sono le ceppaie di ulivi, ritracciabili ancora oggi a Susa, Mompantero, Giaglione, Gravere, Foresto.

Una coltivazione che, da qualche anno è rinata ed è rapidamente cresciuta grazie ad alcuni appassionati. Si stima infatti che tra Gravere e Almese ospiti ben 4mila ulivi, di cui 1.500 solo a Borgone. Ed è proprio qui che buona parte degli antichi terrazzamenti, una volta impiegati per la coltivazione della vite, sono stati convertiti in uliveti.

Articolo completo su La Valsusa del 10 giugno.

 

© Riproduzione riservata