Si può solo immaginare l’emozione di un sacerdote nell’apprendere di essere stato scelto per aiutare il Papa nel governo della Chiesa. E chissà cos’ha provato mons. Marco Mellino, Vicario Generale della Diocesi di Alba, nell’aprire la busta contenente la sua nomina a Segretario aggiunto del Consiglio di Cardinali (il C9) e membro del Consiglio per i testi legislativi, elevandolo allo stesso tempo alla dignità episcopale, a firma del Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin.

Nel suo messaggio di ringraziamento il vescovo eletto afferma: “che questa nomina è un omaggio di affetto e di stima del Santo Padre per la nostra terra e fa onore alla nostra amata Diocesi di Alba, e nel contempo conferma la comunione profonda, la fedeltà e l’amore della nostra Chiesa al successore di Pietro, che oggi nella persona di Francesco sente di avere un Padre dal cuore grande e un esempio luminoso di vangelo vissuto”.

Mons. Mellino si è distinto per competenza e impegno nel servizio come Vicario Generale della Diocesi di Alba che, rimarca il Vescovo di Alba nella sua lettera, “rapporto di collaborazione e di stima reciproca per il bene della Diocesi stessa”.

Mons. Mellino non è nuovo alla Santa Sede, avendo prestato dal settembre 2006 servizio presso la Segreteria di Stato della Santa Sede in qualità di Officiale della Sezione giuridica. Dal 21 luglio 2009 è stato nominato Giudice esterno al Tribunale di Appello del Vicariato di Roma e il 22 dicembre 2009 è stato nominato Cappellano di Sua Santità.

Incarichi che non hanno scalfito l’umile obbedienza di un sacerdote che andando a Roma, scrive egli stesso, porterà “nel cuore i volti e l’affetto dei miei cari e delle tante persone incontrate nei nostri paesi, nelle parrocchie svolgendo il mio ministero sacerdotale, e saranno proprio questi volti a mantenere in me il senso vivo e concreto della Chiesa popolo di Dio, e mi ricorderanno che è per loro che sono stato chiamato a prestare il mio servizio al Santo Padre”.

Tutta la Diocesi di Susa e il nostro giornale porgono all’eletto Vescovo i migliori auguri per questo lavoro di servizio e assicurano la vicinanza nella preghiera.

Andrea Andolfatto

© Riproduzione riservata