8000 chilometri tra Argentina, Cile, Bolivia e Perù, dall’oceano ad altipiani che toccano i 5000 metri di quota, temperature che varieranno dall’estate australe al freddo boliviano, per un viaggio lungo sei mesi in sella a biciclette come sempre stracariche e in totale autonomia.

Dettagli e numeri che aprono l’immaginario di una lunga avventura che partirà il 13 gennaio dalla città alla “Fine del mondo”, Ushuaia, in Terra del Fuoco, per concludersi a metà giugno a Machu Picchu, sulle Ande peruviane.

E i protagonisti sono di nuovo loro: i giavenesi Giovanni Martinacci e Barbara De Polli, marito e moglie appassionati di cicloviaggi.

Li abbiamo conosciuti per la prima volta nel 2011, nel viaggio a pedali da Giaveno a Capo Nord, li abbiamo seguiti in Islanda e Patagonia, li abbiamo ammirati in Tibet e ora li ritroviamo alla vigilia del loro quinto viaggio oltreconfine, ai quali occorre aggiungere due attraversate da Giaveno al fondo dello “stivale”.

Ma, questa sarà un’avventura sulle due ruote più impegnativa in termini di distanza e di giorni, preparata in poche settimane, voluta da tempo.

Ampio servizio su La Valsusa del 9 gennaio.

Anita Zolfini

© Riproduzione riservata