L’ex assessore di Alpignano Massimiliano Pirrazzo è morto ieri sera, domenica 14 ottobre, in un ristorante: secondo il medico legale, si tratterebbe di “asfissia da intasamento da bolo alimentare”. L’uomo, 50 anni compiuti a luglio, si è sentito male mentre era in compagnia di alcuni amici in un locale di Druento: all’arrivo dei soccorritori, per lui non c’era più nulla da fare ed è stato disposto il trasferimento della salma alla camera mortuaria di Venaria.

Era stato assessore ad Alpignano nella giunta Oliva dal suo insediamento fino a novembre 2017 quando ha rassegnato le dimissioni dall’incarico.

Immediate le reazioni di cordoglio dal mondo politico cittadino: Pirrazzo, amico fraterno del sindaco Andrea Oliva era stato candidato nella lista civica Alpignano Sicura che, insieme all’associazione “Il Laboratorio delle Idee” e all’altra lista civica Siamo Alpignano, si stringe – con gli assessori e il sindaco – al dolore dei familiari.

L’ex sindaco Gianni Da Ronco, che in consiglio comunale siede sui banchi dell’opposizione, si dice incredulo: “Una morte assurda. Sembra impossibile che nel 2018 si muoia soffocati da un boccone di cibo. Umanamente non ho parole per la sua scomparsa”.

Carmen Taglietto

© Riproduzione riservata