Sarà il vento che soffia un giorno sì e l’altro pure; sarà l’effetto psicosi da coronavirus, sarà la noia, va’ a sapere. Fatto sta che alla fine della settimana scorsa i Carabinieri della Stazione di Rivoli hanno “beccato” un ventenne di Rivoli, incensurato, fortemente sospettato di aver dato alle fiamme quattro veicoli parcheggiati in una strada di Cascine Vica, nelle notti del 9 e 22 febbraio scorsi.

Un secondo piromane è stato fermato, sempre a Rivoli, a distanza di poche ore dall’arresto del giovane. L’uomo, un italiano di 59 anni, sorvegliato speciale, ha agito di notte ed è stato fermato subito dopo aver appiccato il fuoco a diversi cassonetti dei rifiuti in Viale Partigiani d’Italia.

Servizio su La Valsusa del 5 marzo.

Bruno Andolfatto

© Riproduzione riservata