Adottare un bambino vuol dire iniziare un cammino entusiasmante e insieme faticoso. Per questo in valle di Susa, su iniziativa del Conisa (il Consorzio dei Servizi Sociali) sono nati gruppi di Auto Mutuo Aiuto di genitori adottivi.

Già, perché un bambino quando arriva in una nuova famiglia trova nuovi genitori, una nuova la casa, nuovi parenti e amici, una nuova scuola e un nuovo abiente intorno a lui. Il bambino arriva con la sua storia, quasi sempre dolorosa, spesso traumatica, segnata da esperienze di abbandono, a volte di maltrattamento e abuso. Come curare quelle ferite? Come “contenere” questi bambini, come comprenderli, sostenerli, amarli? Come creare una continuità tra il tempo precedente l’adozione e quello attuale? Come costruire nuovi intrecci, integrando il passato con il presente e proiettarsi nel futuro?

Domande a cui tentano di trovare risposte i partecipanti ai Gruppi di Auto Mutuo Aiuto di genitori adottivi nati in valle di Susa su iniziativa del Conisa, il Consorzio dei Servizi Sociali. A loro e, più in generale, a tutte le famiglie coinvolte nell’’esperienza adottiva è indirizzato il ciclo di incontri a cura del Centro per le Famiglie Diffuso del Conisa e dell’Associazione Il Melo, che prenderà il via ad Almese, in sala consiliare, mercoledì 9 gennaio alle 17.30.

Il primo incontro, condotto dalla psicologa Claudia Giannetti, sarà dedicato al tema: Aspetti traumatici e narrazione della storia, come sostenere il figlio adottivi nel costruire un’immagine di Sé integrata”.

La metodologia degli incontri sarà in parte teorica e in parte esperienziale, con il coinvolgimento attivo dei partecipanti attraverso tecniche di gioco psicologico, role play, simulazioni. Negli incontri successivi si parlerà di socializzazione nel gruppo dei pari (sabato 15 febbraio); vicinanza col figlio e mantenimento del rapporto di coppia (sabato 23 marzo); scoperta della dimensione affettiva e sessuale (mercoledì 8 maggio); capricci, trasgressioni e regole (mercoledì 12 giugno); adolescenza adottiva (mercoledì 25 settembre); la cassetta degli attrezzi del genitore adottivo (sabato 26 ottobre).

© Riproduzione riservata