Donare il sangue significa pochi minuti per te ma una vita intera per qualcun altro” è una frase che esprime al meglio quanto sia importante questo semplice ma fondamentale gesto. E per il gruppo Fidas di Sant’Antonino-Vaie sono molti gli anni di attività nella donazione: ben 60, che si appresta a festeggiare.

L’idea di fondare il gruppo venne al medico Massimo De Marchi e all’infermiere e sindaco di Vaie Giuseppe Ricchiardone. Loro due, insieme ad altre 17 persone, fondarono il gruppo e il primo presidente divenne lo stesso De Marchi. Il 20 dicembre del 1959 segnò l’inizio delle attività: in quella data si svolse la prima donazione nei locali della palestra comunale di Sant’Antonino.

Per festeggiare al meglio i 60 anni sono in programma tre giornate, la prima delle quali giovedì 6 giugno, con un concerto, alle 21, nella palestra del Centro Sociale Primo Levi di Vaie, in via Martiri della Libertà 9. Ad esibirsi saranno la Società Filarmonica Vaiese diretta dal maestro Sergio Merini e il Coro di Musica Leggera e l’orchestra Golden Star della Società Filarmonica Santa Cecilia, diretti da Stefania Borello: durante la serata la musica spazierà dal twist degli anni ’50 americano a brani sinfonici e bandistici, passando attraverso canzoni e swing italiani e un paio di brani orchestrali.

Il secondo appuntamento, la sera di sabato 8 giugno, sarà ancora di grande musica, con il concerto, alle 21, in piazza della Pace a Sant’Antonino, della cover band Angeli di Strada, che proporrà diversi brani dei Nomadi. La storia oramai più che ventennale del gruppo ne fa non solo uno dei gruppi più apprezzati nel Nord Italia per questo genere di esibizioni, ma anche uno dei primissimi ad aver cominciato questa avventura, ovvero portare nelle piazze e nei locali la musica, sempre attuale, del “popolo nomade”. In caso di maltempo il concerto si terrà nella palestra di piazza della Pace.

La giornata della festa sociale sarà domenica 9 giugno. Il ritrovo è fissato alle 9.15 in piazza della Pace, mentre alle 10 la partenza del corteo con in testa la Società Filarmonica Santa Cecilia diretta dal maestro Mattia Davriù in alcune vie del paese. Alle 10.30 ci sarà la messa e successivamente gli interventi delle autorità e le premiazioni dei donatori benemeriti, con la consegna dei diplomi, distintivi di bronzo, d’argento e delle medaglie d’oro. Per festeggiare tutti insieme alle 13 si terrà il pranzo sociale presso la palestra comunale in piazza della Pace.

Andrea Diatribe

© Riproduzione riservata