Fine del semestre, tempo di bilanci per le associazioni santambrogesi e la FIDAS non fa eccezione.

Se l’estate diventa il momento per il direttivo di capire cosa funziona e cosa meno nelle varie attività proposte, gli iscritti possono dirsi soddisfatti delle donazioni effettuate: Sant’Ambrogio infatti tiene i numeri del 2018, nonostante le difficoltà che incontra chi vuole donare il sangue siano in costante crescita.

“Abbiamo 305 donatori attivi nel nostro gruppo che hanno portato nei primi sei mesi a 5 sacche in più del 2018”, dice il presidente del gruppo Raffaele De Innocentis, “e di questo siamo molto contenti.

Un po’ meno del fatto che ci sono 5 nuovi donatori, mentre l’anno scorso a questo punto ne avevamo già 12. Comunque puntiamo alle 550 donazioni il 2019”.

Articolo completo su La Valsusa del 29 agosto 2019.

Paola Bertolotto

© Riproduzione riservata