Tocca a Franco Moriondo assumere, per i prossimi cinque anni, il testimone alla guida del distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari di Giaveno, ceduto pochi giorni fa da Pier Mauro Biddoccu.

42 anni, di cui la metà trascorsi con la divisa da pompiere, da quando, nel dicembre 1996, sceglie di svolgere il servizio di leva in questo Corpo; due mesi di CAR a Roma come allievo vigile del fuoco ausiliario, altre dieci tra i permanenti di Susa, una breve parentesi di sospensione fin quando, nel 2000, diventa vigile volontario a Giaveno.

Una “carriera” che l’ha portato a diventare capo partenza e, l’anno scorso, caposquadra dopo sei mesi di corso ed esame.

Nella vita di tutti i giorni Moriondo è titolare, in società, di due bar in centro città. Al lavoro di recente raddoppiato si aggiunge, oggi, la responsabilità di un distaccamento che, negli anni, grazie ai suoi comandanti, nomi del calibro di Gilberto Monfrino e dei fratelli Biddoccu, è cresciuto e si è distinto per efficienza e professionalità dei suoi volontari.

Servizio su La Valsusa dell’11 giugno.

Anita Zolfini

© Riproduzione riservata