Nel tardo pomeriggio di oggi, venerdì 3 dicembre, in via Ruata Sangone, nel luogo esatto in cui alcuni residenti, domenica 28 novembre, avevano piazzato la sagoma lignea (ne parliamo sul numero de La Valsusa del 2 dicembre e qui) di un ragazzo per invitare gli automobilisti a prestare maggiore attenzione al repentino restringimento della carreggiata, si è “incastrato” un camion di grosse dimensioni.

L’autista, forse ingannato dal navigatore, ha cominciato a infilarsi nella strettoia, ma poco dopo ha realizzato che non sarebbe riuscito né a proseguire né a fare retromarcia per tornare indietro fino al piccolo incrocio con via Beale.

Per fortuna, il camionista, uno straniero, non si è lasciato prendere dal panico e, con l’aiuto di due vigili urbani e di un passante, è riuscito a liberare il suo mezzo, senza danneggiare i muri delle case vicine.

Il ragazzo di legno, a cui qualcuno ruppe un braccio poche ore dopo la sua comparsa, aveva dunque qualche ragione nell’attirare l’attenzione su quel problema.

© Riproduzione riservata