È stato identificato il conducente del furgone che, alle 6,45 di mercoledì mattina, aveva travolto una donna di 47 anni sulle strisce pedonali situate di fronte alla gioielleria Anselmo, fra via Coazze e Piazza Molines.

Si tratterebbe di un corriere non residente in Val Sangone che si sarebbe reso perfettamente conto di quanto accaduto, ma non si è comunque fermato a prestare soccorso.

Per ricostruire l’accaduto, tutta la squadra del Comando di Polizia locale ha impiegato le moderne tecnologie come ad esempio le telecamere sul territorio cittadino, ma anche la classica raccolta di indizi sul campo.
Sono stati visionati tutti i filmati delle telecamere, anche dei negozi presenti sul tragitto percorso dal furgone, per individuarlo. Tramite i portali posti agli accessi della città si è quindi risaliti alla targa e di qui al responsabile.
Un contributo alle indagini è arrivato anche dalle testimonianze dei presenti, nessuno dei quali, tuttavia, ha avuto modo di annotare il numero di targa.
Il sindaco, Carlo Giacone, e il suo vice, Stefano Olocco, si sono complimentati con il comandante della Polizia Municipale di Giaveno, Gianni Franchino, per la celerità e la professionalità con cui i vigili urbani hanno rintracciato il pirata della strada.
La 47enne investita è ancora ricoverata in ospedale.

© Riproduzione riservata