“Voglio raccontare la mia storia non solo per condividere con tutti un traguardo grande, ma anche per dare un segno di speranza a tutte le altre ragazze affette dalla mia stessa patologia, che non ci priva del poter vivere la gioia della maternità”.

La giavenese Luana Pinto, 25 anni il prossimo 27 dicembre, e il suo compagno Emilio Battagliotti, anche lui giavenese, ci dicono che “il piccolo Emiliano, dato alla luce lo scorso 5 novembre, poco dopo la mezzanotte, con parto cesareo, all’Ospedale di Rivoli, non è solo il nostro stupendo fagottino, ma anche un bel messaggio d’incoraggiamento”.

La mamma, infatti, ha portato a termine con successo la gravidanza nonostante le difficoltà legate alla talassemia major. Una malattia ereditaria che l’ha portata ad affrontare una vita tra ospedali, medicine e continue trasfusioni di sangue.

Servizio su La Valsusa del 19 dicembre.

Marco Margrita

© Riproduzione riservata