Piove all’esterno ma anche – e non poco – all’interno del polo sanitario di Giaveno.

Da giorni, infatti, i locali al terzo piano nell’ala vecchia (da tempo in ristrutturazione, dove fino a un mese fa c’erano gli ambulatori fisioterapici spostati al pian terreno) sono interessati da notevoli infiltrazioni d’acqua.

A scoprire la situazione, questa mattina, lunedì 5 novembre, è stato il consigliere regionale Alfredo Monaco, che ha fatto la segnalazione al 112. Sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco di Torino e Giaveno.

Sono rimasto scandalizzato dalla scena che mi si è parata davanti” esordisce Monaco, raccontando la sua mattina nel polo sanitario, dov’era arrivato per motivi personali. “Mi è stato riferito che al terzo piano c’erano problemi di infiltrazioni. Ho voluto constatare con i miei occhi e sono salito. Ho trovato tre signore delle pulizie intente a togliere l’acqua in condizioni assolutamente pericolose: c’era acqua che cadeva dal soffitto un po’ dappertutto ma soprattutto dalle canaline elettriche. Ad un tratto ne è caduta tutta insieme, accanto ad un contatore. Ho detto loro di andare via, che mi sarei preso io la responsabilità davanti ai superiori. Era troppo pericoloso”.

Il consigliere regionale ha avvisato i Vigili del Fuoco che sono accorsi e hanno fatto il sopralluogo: “Ritengo che quel cantiere non sia in sicurezza – prosegue Monaco – È una vergogna che, nel 2018, un’azienda pubblica come l’Asl To3 presti così poca attenzione ad un suo cantiere. Sono fiero di essere intervenuto e non escludo un’interrogazione regionale, l’assessorato alla Sanità deve sapere. Occorre prendere provvedimenti verso chi doveva vigilare e non l’ha fatto, mettendo a repentaglio la vita di lavoratrici. Senza contare lo sperpero di soldi pubblici”.

Il consigliere Monaco ringrazia i Vigili del Fuoco per la tempestività e la professionalità nell’intervento.

Anita Zolfini

ex ospedale Giaveno

Uno dei soffitti interessati dalle infiltrazioni all’interno dell’ex ospedale di Giaveno

pavimento allagato

Il pavimento è allagato

© Riproduzione riservata