È irreperibile (ma non è stato ancora dichiarato latitante) da un paio di settimane Daniele Ughetto Piampaschet, il quarantenne giavenese che, il 2 luglio scorso, è stato definitivamente condannato a 25 anni di reclusione per l’omicidio di Anthonia Egbuna, ventenne nigeriana trovata morta nel Po nel febbraio del 2012.

I sospetti erano caduti molto presto sul giavenese anche a causa di un romanzo, “La rosa e il leone”, scritto dall’uomo e in cui lo stesso narrava una storia molto simile ai fatti ricostruiti dagli inquirenti, compreso il tragico finale.

In primo grado, Ughetto era stato assolto, ma era stato condannato in Appello, condanna poi annullata dalla Corte di Cassazione che aveva imposto la celebrazione di un altro processo di secondo grado.

La Corte d’Appello aveva così condannato, di nuovo, l’imputato a 25 anni e i giudici romani hanno, di fatto, confermato la decisione.

Servizio su La Valsusa del 18 luglio.

Alberto Tessa

 

© Riproduzione riservata