È un ragazzo di 20 anni di Giaveno, Alberto Miserendino, una delle due vittime dell’incidente verificatosi ieri, domenica 6 gennaio, sulla Punta Cristalliera, spartiacque fra la Val Chisone e la Valle di Susa.

L’altro alpinista morto è un torinese di circa 30 anni. Le loro salme sono state recuperate sul lato valsusino della montagna nella mattinata di oggi, lunedì 7 gennaio, dai tecnici del Soccorso Alpino a bordo di un elicottero. Alle ricerche hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco.

Le squadre di soccorso avevano organizzato il campo base a Pracatinat, pronte a salire in quota.

Gli alpinisti deceduti avevano trascorso la notte tra sabato e domenica presso il bivacco del Lago Lau.

Le salme sono state consegnate ai Carabinieri per le operazioni di Polizia giudiziaria.

Alberto Miserendino

Alberto Miserendino

© Riproduzione riservata