Domenica 2 dicembre, con un tiepido sole, ci siamo ritrovati a Pianezza per il ritiro di Avvento del settore adulti.

A volte la pigrizia non ti fa gustare a pieno queste iniziative, specialmente in inverno, ma per le 20 persone che hanno sconfitto questa apatia è stata veramente una bella giornata. Arrivati a Villa Lascaris , dove con un bel sorriso Valentina, suora operaia della casa di Nazareth di Rivoli ci ha accolto, abbiamo pregato le lodi della prima domenica di avvento, dopodiché, con lo Spirito nel cuore suor Valentina ci ha fatto riflettere con la parabola del buon samaritano.

Letta e riletta tante volte, ma sempre riesce a stimolarci in riflessioni nuove. Questa parabola che ci parla di “farsi prossimo”, ci parla di un incontro. Quante volte evitiamo, di proposito, delle persone perché non abbiamo tempo.

Essere capaci di accogliere tutti, senza limiti, senza misure, fin dove riesco. Se cammino con il Signore, lascio che Lui mi indichi il limite. Gesù ci insegna a prenderci cura di ciascuno di noi in modo gratuito, senza un grazie. Ricordarci che noi portiamo il volto di Dio sul nostro volto.

Sempre mi devo porre la domanda:”Chi è Dio per me?” Poi suor Valentina ha proseguito con un piccolo accenno al Vangelo di Marta e Maria:ascolto e servizio. Marta piena di energia e Maria in ascolto, vuole ricevere. Tutti noi ci immedesimiamo un po’ in Marta e un po’ in Maria, entrambe innamorate di Dio.

Pranzare tutti insieme è stato un bel momento di comunione e subito dopo, quasi di corsa, alla Pieve di San Pietro, dove una guida ci stava aspettando per illustrarci le bellezze degli affreschi ad opera del pittore Jaquerio e della sua scuola (primi anni del XV secolo).

Anche la chiesa di Maria Stella ci ha incantato, poi la Santa Messa al Santuario di San Pancrazio a chiusura di una bella giornata di Fede trascorsa insieme. Cosa dire…….peccato per chi non ha potuto esserci, noi ci siamo sentiti AZIONE CATTOLICA.

Angela Pangia

© Riproduzione riservata