Per l’Oratorio San Filippo Neri di Sant’Antonino le due settimane trascorse con i campi estivi sono state un successo, per i numeri più che sufficienti e per l’entusiasmo e il riscontro visto sulle facce e nelle parole dei più piccoli e dei più grandi.

Prima si è svolto il campo estivo riservato ai ragazzi delle scuole superiori, alla casa alpina “Nostra Signora del Rocciamelone” di Bar Cenisio, da lunedì 28 giugno a venerdì 2 luglio, successivamente quello per i bambini delle elementari, da lunedì 12 a sabato 17 luglio. Dopo l’annullamento dello scorso anno a causa della pandemia, l’oratorio ha deciso di confezionarlo in una modalità diversa, “itinerante”, con i bambini che ogni giorno sono stati in un posto diverso.

campo estivo oratorio 2021 SantAntonino Barcenisio

Gli animatori dell’Oratorio, il parroco e i ragazzi del campo estivo a Bar Cenisio

 

Per quello che riguarda il campo dei più piccoli – dice l’animatrice Eleonora Russo, una dei coordinatori di un solido team di educatori – che si sarebbe solitamente svolto alla casa in frazione Città, a San Giorio, abbiamo pensato quest’anno di utilizzare una formula nuova, mai sperimentata, di organizzare ogni giorno le attività in posti diversi: siamo stati per esempio al parco Zoom di Cumiana oppure a quello della Preistoria, vicino a Milano o, ancora, abbiamo fatto una passeggiata in montagna, alla frazione Mura di Vaie”.

Ovviamente tutto è stato fatto nell’ottica del più possibile mantenimento delle procedure anticontagio.

Articolo completo su La Valsusa del 22 luglio

Nella foto di copertina, uno scatto della gita, con i più piccoli, al Parco della Preistoria di Rivolta d’Adda

Andrea Diatribe 

© Riproduzione riservata