Chiesa oggi

I Missionari della Consolata lasciano Alpignano

Alpignano – I Missionari della Consolata lasciano la casa di via Arnò 33.

E anche i due vice-parroci, padre Richard e padre George, lasciano l’incarico perché trasferiti altrove.

Era il 3 luglio 1945 quando i primi figli dell’Allamano arrivarono ad Alpignano: un anno prima l’Istituto Missioni Consolata aveva acquistato il Castello dai precedenti proprietari, gli Abelli-Riberi, e con la fine della guerra arrivano un padre, due coadiutori e quattro suore per iniziare a trasformare quell’antica dimora in una struttura per accogliere aspiranti sacerdoti e fratelli.

Che ne sarà ora della casa di via Arnò? “Non si sa, per ora rimane in sospeso”, spiega padre Gianfranco Testa, l’ultimo missionario a lasciare la struttura. “Mi trasferisco a Rivoli, continuerò a fare animazione missionaria ed essere di supporto nelle parrocchie e nei gruppi”.

Padre George e padre Richard avranno un periodo di vacanza nei loro paesi d’origine e poi saranno destinati a incarichi diversi.

Alpignano rimane orfana di una presenza significativa.

Carmen Taglietto

Articolo completo su La Valsusa di giovedì 30 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.