2020: l’anno nero del turismo.

La pandemia ha stravolto tutto e tutti e il turismo è indubbiamente stato uno dei settori più penalizzati. Ma il mondo del turismo non si è dato per vinto ed ha continuato a lavorare già in prospettiva per la ripresa. Entrando in questo 2021 che si spera di rinascita, facciamo il punto della situazione del Consorzio Turistico di Sauze d’Oulx, il Fortur.

La parola al direttore del Consorzio Giorgio Giordana: “Che l’emergenza Covid abbia sconquassato il settore è cosa nota. Il settore alberghiero e ristorativo è quello che ha risentito ed ancora risente maggiormente la devastazione dell’evento pandemico. Inutile negare che il nostro business deriva da arrivi di clientela di mercati internazionali europei e nazionali e comunque non legati alla nostra regione, dalla quale traiamo beneficio esclusivamente dal settore delle seconde case”.

C’è poi il tema dei ristori che il direttore Giordana affronta anche come VicePresidente dell’Unione dei Comuni Olimpici Via Lattea: “La mancanza di ristori a livello nazionale è il punto più dolente. I nostri soci stanno attendendo degli aiuti promessi dalla Regione e forse, se riusciremo, come Unione Montana, cercheremo di studiare una formula una tantum per elargire dei piccoli aiuti diretti comunali all’intero comparto”.

La presidente del Consorzio Serenella Marcuzzo sottolinea l’attività svolta: “In questi ormai 10 anni di attività il Consorzio ha portato qui a Sauze nuovi tour operator, ha prodotto i materiali che vengono distribuiti ai clienti di hotel, ha creato cartine del paese, mappe di ogni tipo (outdoor, ciaspole, passeggiate, bike etc) tutte edite pagate e prodotte dal consorzio, così come tutta la promozione on line giornaliera e la digitalizzazione del sito per permettere all’utenza di trovarci con facilità sui motori di ricerca. Un grande lavoro che facciamo per i soci e con i soci che sono loro stessi il Consorzio. Il consorzio come sua mission deve fare promozione in primis per tutti i suoi soci, organizzare educational e studiare nuove proposte estive ed invernali. Lo scopo di tutti noi consorziati è di aumentare la visibilità di Sauze a livello nazionale ed internazionale per cui: l’obiettivo programmatico principe del Consorzio è sempre quello di incrementare il flusso turistico nelle nostre due stagionalità con particolare attenzione a quella più debole che è quella estiva”.

Il direttore Giorgio Giordana ripercorre questo 2020: “Nell’anno 2020 pur partendo subito, dai primi di gennaio, con le tradizionali fiere, ci siamo imbattiti in questo “flagello” accidentale del virus che ha visto il nostro consorzio impegnato nel supporto della protezione civile, nella tutela e nel seguire i nostri soci durante l‘evento pandemico. Abbiamo quindi rinviato con Turismo Torino e Provincia, assieme agli altri Consorzi, tutto il lavoro già impostato sul mercato cinese, decidendo di mantenere solo viva una parte di informazione social per consolidare almeno la nostra presenza in quell’area e non vanificare gli sforzi fin ora intrapresi nel programma ”Piemonte meets China -Anno 2020” per lo sviluppo dei nostri mercati e l’esclusivo mantenimento dell’immagine del nostro territorio”.

Ma Il Consorzio guarda già alla ripresa come aggiungono la presidente Marcuzzo ed il direttore Giordana: “Per una rapida ripresa stiamo lavorando al fine di contattare già nell’immediato nuovi tour operator e nuovi mercati che siano interessati al nostro paese. Forti dell’esperienza della scorsa estate, gestita nonostante il Covid, già prepariamo per questa nuove proposte che possano vedere, già a tarda primavera, l’arrivo di una prima clientela di prossimità, concentrando poi il grosso delle risorse per la ripartenza invernale”.

Come ogni anno stiamo preparando allettanti offerte invernali ed estive e stiamo predisponendo nuovi allestimenti per gli stand delle fiere, oltre a accattivanti filmati di presentazione.

Come ultima annotazione, nonostante un anno particolarmente complicato il programma fieristico del 2020 è stato ugualmente particolarmente intenso. Ecco il quadro della situazione: gennaio Fiera di Utrecht preparazione mercato olandese, fiera di Amburgo una nuova fiera in un mercato tedesco in espansione, Motor show a Verona un grandissimo successo per l’estate; febbraio fiera di Munchen Free per mercato bike e moto estivo; marzo Lyon fiera Randonée fiera per estate annullata; ottobre: Rimini TTG incontri in presenza con operatori stranieri interessati a estate inverno, Ski show London presenza con stand sul mercato anglosassone solo on line poi annullata, Skipass Modena; novembre: World Travel Market London la più importante fiera al mondo chiusa, Venezia Bitesp B to B nuovi operatori estivi on line; dicembre: Rho Artigianato in Fiera record di pubblico con oltre 3 milioni e mezzo di presenze annullata dalla Regione.

© Riproduzione riservata