Dal 21 luglio, il Cafè delle Arti di via Umberto I è ufficialmente il 72esimo “Locale per pensare” italiano (il quarto con la dicitura “plus” in aggiunta).

Ma cosa sono i Locali per pensare? “Sono una rete di luoghi pubblici dove incontrarsi, leggere, promuovere iniziative, sperimentare pensieri — spiega la titolare del caffè giavenese, Marta Bertola — Per essere riconosciuti come tali bisogna rispettare alcuni parametri, quali, per esempio, l’assenza di schermi e, se possibile, la presenza di una piccola area dedicata ai libri, mentre la musica dev’essere soffusa e non in grado di disturbare le conversazioni dei clienti”.

Articolo completo su La Valsusa del 29 agosto 2019.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata