Una pergamena purtroppo persa per sempre nei bombardamenti di Hannover della Seconda Guerra mondiale, Enrico Barbarossa e il tentativo di Susa di farsi perdonare dopo il suo tentato assassinio nel marzo 1168, il ruolo di tutela del marchese di Monferrato in un momento di debolezza dinastica dei Savoia.

Questi i tratti fondamentali dell’ultimo lavoro di Luca Patria, dal titolo Storie incendiarie: Hermann von Wassel e il marchese Guglielmo V di Monferrato.

Illumina l’ultimo scorcio del XII secolo in Valle di Susa, periodo storico poco frequentato anche a causa della minore presenza di documenti negli archivi locali.

A ospitare l’articolo è Monferrato Arte e Storia, bollettino annuale dell’Associazione Casalese Arte e Storia, il cui presidente onorario è Aldo A. Settia, professore emerito di Storia medievale a Pavia.

Una pubblicazione giunta al 30° numero che verrà presentata sabato 16 marzo a Casale Monferrato (AL).

Articolo completo su La Valsusa del 14 marzo.

Andrea Bonelli

© Riproduzione riservata