DAL 12 FEBBRAIO AD APRILE A TORINO (Binaria, via Sestriere 34), IL GRUPPO ABELE PROMUOVE UN CICLO DI INCONTRI PER RIFLETTERE, CON LE FAMIGLIE, SUL TEMA DELLA DIPENDENZA DA SOCIAL E SMARTPHONE. 

Internet, smartphone, tablet stanno cambiando le relazioni tra i componenti di una famiglia? Il loro uso e abuso quanto incide nelle relazioni affettive e nelle dinamiche sociali? Come educare i propri figli nell’era digitale? Attorno a queste domande cruciali il Gruppo Abele propone un ciclo di incontri con esperti per approfondire e discutere il tema, uno spazio di counseling per i genitori e laboratori ludico/formativi per bambini e ragazzi.
Il ciclo, dal titolo Famiglie Tecno-Logiche, metterà in evidenza come nel dibattito di questi anni si è parlato molto di nuove tecnologie e poco di relazioni genitori-figli e offrirà ai genitori uno spazio per approfondire il tema.
Il calendario degli incontri prevede:
–  12 febbraio ore 20.30: Hikikomori. Adolescenti isolati e famiglie smarrite con Leopoldo Grosso, psicologo e psicoterapeuta, presidente onorario del Gruppo Abele

– 10 marzo ore 20.30: Genitori, figli e social network con Alberto Rossetti, psicologo e psicoterapeuta

– 7 aprile ore 20.30: Tecnologia e app, tutto il male viene per nuocere? con Giulia Natale, blogger e formatrice
Contemporaneamente agli incontri per gli adulti, per i bambini e le bambine da 3 a 12 anni saranno realizzati laboratori ludico formativi.
Oltre alle serate di approfondimento, il Gruppo Abele promuoverà le seguenti attività:
– Counseling individuale in cui un esperto accoglierà le richieste, i dubbi e le domande dei familiari (su appuntamento 011.3841083; e mail: genitoriefigli@gruppoabele.org);
– Laboratori ludico formativi per bambini/e il giovedì dalle 16.30 alle 18.30.
– Occasioni per orientarsi sull’uso delle nuove tecnologie,  ma anche per sviluppare capacità di utilizzare criticamente fonti diverse, sia reali che virtuali in percorsi di apprendimento per ragazzi/e il venerdì dalle 15.30 alle 17.30.
Le attività verranno realizzate nell’ambito del progetto Futurama, un progetto di community empowerment finanziato dall’Impresa sociale Con i bambini che coinvolge 38 realtà del pubblico e del privato sociale (comuni di Beinasco, Bruino, Orbassano, Piossasco, Rivalta e Volvera; Circoscrizioni 2 e 3 della città di Torino). Capofila del progetto è la Cooperativa Sociale Esserci.

© Riproduzione riservata