Era il 3 aprile del 1897 quando uscì il primo numero della Valsusa (in verità allora era Il Rocciamelone).

Tanto  per capire i tempi , il vescovo di Susa era mons. Edoardo Rosaz, che è stato proclamato beato trent’anni fa da Giovanni Paolo II, che poi sarà proclamato santo.

Da allora ininterrottamente, prima al sabato, oggi al giovedì, arriviamo  in migliaia di case, di Val Susa e Val Sangone, ma siamo “disseminati” anche un  po’ in tutta Italia (e nel mondo). Che dire? Buon Dio, in cui noi  crediamo, accompagnaci ancora. Perché  non vengano mai meno la voglia e l’impegno.

© Riproduzione riservata