Salone del Libro 2017
Cultura

Il Sistema Bibliotecario Valle Susa torna al Salone del Libro di Torino

Dopo il successo dello scorso anno, il Sistema Bibliotecario Valle Susa torna al Salone Internazionale del Libro di Torino, dal 19 al 23 maggio, con un programma denso di incontri e novità. Nella più importante kermesse nazionale sul libro e sulla lettura, la Valle di Susa sarà ben rappresentata nello stand W178 (Pad. OVAL), che, grazie al lavoro dell’Unione Montana, farà da vetrina non solo alle biblioteche, ma anche al territorio e alle sue ricchezze.

Non un semplice spazio espositivo, ma anche un luogo di grandi incontri e presentazioni,1 tra autori e libri con un forte legame con la Valle: Piera Edigi, Giorgio Macor, Tullio Monti, Pierangelo Chiolero. Inoltre, novità di quest’anno, le presentazioni del Sistema bibliotecario non resteranno solo negli spazi dello stand, ma si diffonderanno anche nelle altre prestigiose sale che questo evento internazionale ha da offrire, in cui sarà possibile ascoltare Alessandro Barbaglia, Donatella Finocchiaro, Marco Rey e Pier Mattiel e Giovanni Impastato.

Ulteriore novità di quest’anno, la partecipazione degli studenti del liceo Norberto Rosa di Susa e Bussoleno che, venerdì 20 e lunedì 23 maggio, avranno l’occasione di presentare alcuni approfondimenti da loro realizzati nello stand W178. Una presenza frutto dell’inserimento dell’istituto nel Sistema Bibliotecario, insieme ai Comuni di Almese, Borgone, Bruzolo, Bussoleno, Caprie, Chianocco, Chiusa di San Michele, Condove, Giaglione, Mattie, Mompantero, Novalesa, San Didero, San Giorio, Sant’Ambrogio, Sant’Antonino, Susa, Vaie, Venaus, Villar Dora, Villar Focchiardo.

Per l’assessore al Sistema Bibliotecario dell’Unione Montana Elisabetta Serra: “Il Sistema Bibliotecario Valle Susa ritorna in questo importante evento internazionale con tante grandi novità. Ancora una volta devo ringraziare quanti in Unione e Sistema Bibliotecario hanno lavorato duramente perché questa opportunità si concretizzasse. Sarà certamente un’occasione preziosa per mostrare il valore di quanto stiamo realizzando nelle biblioteche, ma anche le tante eccellenze che il nostro territorio ha da offrire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.