Il 17 settembre 1871 è il giorno più importante nella storia della galleria ferroviaria del Frejus, è il giorno in cui il primo treno transita attraverso il tunnel, andata e ritorno tra Bardonecchia e Modane, per poi proseguire verso Torino dove la sera è atteso per grandi festeggiamenti, che si protrarranno per quattro giorni.

Una Torino trasformata per questa occasione è illuminata da migliaia di lampadine elettriche, disposte lungo corso Vittorio.

La galleria del Frejus è un’opera che pone l’intero Paese in grande evidenza, si fanno i paragoni con il canale di Suez, inaugurato solo due anni prima. Con l’apertura del Frejus la linea ferroviaria non termina più a Bardonecchia ma prosegue fino a Parigi e ancora oltre.

I personaggi chiave che dall’idea portarono a compimento quest’opera, che all’epoca veniva indicata come galleria del Moncenisio, sono Giuseppe Francesco Medail, re Carlo Alberto, Francesco Luigi Des Ambrois de Névache, Camillo Benso di Cavour, re Vittorio Emanuele II, Germano Sommeiller, Sebastiano Grandis e Severino Grattoni, Quintino Sella, Henri Maus, Ignazio Porro, Angelo Sismonda e non sono tutti.

Articolo completo su La Valsusa del 23 settembre.

 

© Riproduzione riservata