Credete che l’emergenza migranti sia stata arrestata dall’epidemia? Tutt’altro. “Prima arrivavano più che altro giovani africani singoli, gente già presente in Italia magari da anni, e che non aveva ancora ottenuto lo status di rifugiati…”.

Chi parla è don Luigi Chiampo, arciprete di Bussoleno e responsabile della Fondazione Talità Kum, che gestisce il Rifugio Fraternità Massi di Oulx, aperto nel settembre del 2018 ed ospitato in locali messi a disposizione in comodato gratuito dai padri salesiani, poco distante dalla stazione ferroviaria. E adesso chi arriva?

Dopo il lockdown è cambiato quasi completamente il target di ospiti. Arrivano persone che sono in Italia solo di passaggio, molte famiglie intere, con più figli e donne incinte, gente che magari è in viaggio da anni e che ha venduto tutto quello che aveva, e che spesso ha una meta ben precisa oltre il confine. Si tratta di afgani, iracheni, siriani, anche indiani”.

Servizio su La Valsusa del 3 dicembre.

Giorgio Brezzo

© Riproduzione riservata