È stato firmato ieri sera un decreto legge (non più un Dpcm) che stabilisce le modalità di comportamento da tenersi durante le imminenti Festività di fine anno.

Fino al 23 dicembre compreso il Piemonte sarà in zona gialla (spostamenti consentiti ovunque e senza autocertificazione), ma già dal 21 dicembre sarà proibito uscire dalla regione, se non per i soliti motivi autocertificati (lavoro, salute, urgenza)

Nei FESTIVI e PREFESTIVI dal 24 al 6 gennaio tutta l’Italia sarà in ZONA ROSSA con tutti i divieti connessi, ma, contrariamente agli altri lockdown, stavolta c’è una novità: in quei giorni si potrà uscire anche dal proprio comune (ma non dalla propria regione) per andare a trovare parenti e amici a patto che:

  • Escano al massimo due persone (non vengono conteggiati i figli minorenni né le persone disabili/non autosufficienti che sono conviventi con le due persone che si spostano verso casa di amici/parenti).
  • Si effettui un solo spostamento al giorno: chi si sposta per andare a trovare amici/parenti può farlo una sola volta al giorno.
  • Lo spostamento sia effettuato soltanto fra le 5 e le 22. Rimane dunque in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Il frammento del decreto che regola quanto scritto sopra è il seguente: “Durante i giorni compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 lo spostamento verso le abitazioni private è consentito una sola volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, verso una sola abitazione ubicata nella medesima regione e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi“.

Nei giorni 28,29,30 dicembre e 4 gennaio 2021 tutta Italia sarà in ZONA ARANCIONE

Nella zona arancione non si può uscire dal confine comunale (fatta salva la deroga per le visite a parenti e amici con le stesse limitazioni). Oltre a chi ha motivi di lavoro, necessità e salute possono uscire dal confine comunale: I CITTADINI DEI COMUNI FINO A 5.000 ABITANTI

Ma dove si può andare andare?

In un comune nel raggio di 30 chilometri da casa.

Il cittadino di un comune fino a 5.000 abitanti in tutti i casi NON PUO’ ANDARE nel capoluogo di provincia (il comune di Torino nel nostro caso).

Il rientro presso la propria abitazione è sempre consentito.

Dal 24 dicembre al 6 gennaio 2021 compresi saranno chiusi bar e ristoranti che potranno tuttavia effettuare l’asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio senza restrizioni. I negozi dovranno chiudere durante i giorni “rossi”, ma potranno aprire durante quelli “arancioni”.

Fanno eccezione i supermercati, i negozi di generi alimentari, le edicole, le tabaccherie, le lavanderie, i barbieri… che potranno invece tenere sempre aperto.

Il testo integrale del Decreto si può trovare su La Gazzetta Ufficiale.

© Riproduzione riservata