Durante i passati lockdown, la Natura si è ripresa gran parte degli spazi che l’Uomo le aveva sottratto negli ultimi decenni: i canali di Venezia, improvvisamente silenziosi e ripuliti, hanno visto comparire i delfini, mentre cinghiali, caprioli e altri animali selvatici si sono ripresi le strade e le città.

I nostri paesi non hanno fatto eccezione. E c’è chi ha voluto immortalare alcuni di questi protagonisti ritrovati: cinque amici appartenenti al circolo fotografico “Gli Sfocati” di Sangano hanno colto l’occasione fornita dagli stop and go che hanno caratterizzato gli ultimi venti mesi delle nostre vite e hanno scovato alcuni degli animali più rari da vedere quando gli esseri umani disturbano la Natura con il loro baccano infernale.

Articolo completo su La Valsusa del 18 novembre.

 

© Riproduzione riservata