A un apicoltore può capitare di subire un furto, ma che le sue api siano visitate tre volte nel giro di pochi giorni dai ladri è qualcosa di inusuale.

Eppure è quello che è accaduto, un paio di settimane fa, a Emanuele Siragusa, titolare della ditta “Apicoltura Chiara Emanuele” di Giaveno che, la scorsa estate, ha portato in “villeggiatura” 40 arnie a Forno di Coazze, nei prati situati poco sotto Pian Neiretto.

Ebbene, in un primo tempo, da molte di queste sono stati portati via i “telaini” interni, in un secondo momento sono sparite tre arnie intere e, durante una terza visita che ne presupponeva una quarta, altre cassette sono state “segnate” per essere poi rubate, con comodo, in un secondo momento.

Servizio su La Valsusa dell’8 ottobre.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata