È fissata per mercoledì 1° luglio la riapertura estiva della Strada Provinciale 173 del Colle dell’Assietta, la “cavalcata dei Duemila” sul crinale tra la Valle di Susa e la Val Chisone.

Dopo che era stato riaperto da martedì 16 giugno il tratto compreso tra il bivio con la strada comunale di Balboutet di Usseaux e il bivio con la Provinciale 172 del Colle delle Finestre, questa settimana sono proseguiti i lavori per la sistemazione del piano viabile.

L’ordinanza di regolamentazione estiva per i mesi di luglio e agosto 2020 prevede la totale chiusura al traffico motorizzato della Provinciale 173 dalle 9 alle 17 il mercoledì e il sabato.

Stop ad auto e moto quindi nelle giornate di mercoledì 1° luglio, sabato 4 luglio, mercoledì 8 luglio, sabato 11 luglio, mercoledì 15 luglio, sabato 18 luglio, mercoledì 22 luglio, sabato 25 luglio, mercoledì 29 luglio, sabato 1° agosto, mercoledì 5 agosto, sabato 8 agosto, mercoledì 12 agosto, sabato 15 agosto, mercoledì 19 agosto, sabato 22 agosto, mercoledì 26 agosto e sabato 29 agosto.

Sono sempre in vigore il limite massimo di velocità di 30 km/h, il divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e con larghezza superiore a 2 metri, il divieto di sorpasso e di sosta al di fuori dei parcheggi.

Gli interventi realizzati nella prima metà della settimana sul tratto da Pian dell’Alpe al Colle dell’Assietta comprendono la ricarica del piano viabile e la stesa di materiale stabilizzato per migliorare la percorribilità, con la protezione della massicciata stradale fortemente esposta a causa dell’erosione delle acque piovane di scolo.

Nei prossimi giorni i cantonieri del Circolo di Perosa Argentina della Direzione Viabilità 2 e il personale del Centro mezzi meccanici della Città Metropolitana risaliranno al Colle dell’Assietta, per eseguire la finitura della sede viabile sul tratto che si sviluppa costantemente sopra i 2200 metri, dal Km 6+900 sul confine tra i Comuni di Sestriere e Sauze d’Oulx al Km 25 (Colle dell’Assietta).

La settimana scorsa il passaggio sul monte Genevris a 2530 metri di quota è stato sgomberato dalle masse nevose, che si sono ritirate quasi totalmente grazie al bel tempo e al sole degli ultimi giorni. È probabile che sia necessario proseguire con i lavori per qualche giorno oltre la data di apertura, per eseguire la riprofilatura di alcune scarpate instabili e di fossi di guardia nella zona del Colle Bourget. Saranno possibili brevissime interruzioni della circolazione per il riposizionamento della macchina operatrice cingolata.

© Riproduzione riservata