Non molti sanganesi sanno chi fu Giuseppe Filippi, eppure questo personaggio, che visse gli ultimi 17 anni della sua lunga vita proprio nel piccolo paese valsangonese, andrebbe riscoperto e studiato.

Figura poliedrica e inquieta, Giuseppe Filippi nacque a Montanera (Cn) nel 1864. Conseguì la Maturità classica presso il seminario di Mondovì per poi trasferirsi a Milano, dove, lavorando alle Poste, strinse amicizia con Giuseppe Verdi (non un omonimo, proprio il celebre compositore!) e con Vittorio Calcina, torinese e agente per l’Italia dei prodotti fotografici degli allora semisconosciuti Fratelli Lumière di Lione.

Calcina inviò il suo amico, appassionato di fotografia, a Parigi, dove, il 28 dicembre 1895, il trentunenne Giuseppe poté assistere alla prima proiezione effettuata dai “papà” del Cinema. In qualche modo Filippi convinse i Lumière a dargli un loro proiettore cinematografico (allora chiamato poeticamente “la macchina dei sogni”) con cui, a Milano, girò il primo “corto” italiano di cui si abbia notizia: “I bagni di Diana”, semplici riprese fatte in una piscina durante l’orario di frequentazione delle donne, altra grande passione del pioniere italiano (che si sposò tre volte).

Proiettò alcune sue riprese (con soggetti più “casti”) anche davanti a Re Umberto I e a Papa Leone XIII; le rare immagini cinematografiche che si vedono di quest’ultimo, benedicente in carrozza, in diversi documentari, sono state girate proprio da Filippi.

Tentò poi la fortuna in Brasile e in Argentina, arrivando persino ad abbinare il suono alle immagini proiettate, in largo anticipo sui blasonati registi statunitensi. Dall’Inghilterra, nel 1939, giunse infine a Sangano, dove nel 1955 lo venne a trovare Sophia Loren, ringraziandolo per avere aperto la strada all’arte cinematografica non soltanto italiana.

Filippi morì povero e quasi del tutto sconosciuto nel 1956, all’età di 92 anni.

Alberto Tessa

Giuseppe Filippi Sophia Loren

La pagina de La Gazzetta del Popolo che riporta la notizia della visita di Sophia Loren a Giuseppe Filippi

© Riproduzione riservata