Ogni anno in Italia vengono raccolti più di 6 milioni e mezzo di tonnellate di rifiuti organici, raggiungendo i 108 chili pro capite.

Questo accade perché più del 40% dei nostri rifiuti sono rifiuti provenienti dal nostro giardino o dalla nostra cucina.

Il progetto promosso da Cados e da Acsel Spa, al quale l’amministrazione comunale ha aderito, intende proprio incentivare il compostaggio domestico, una pratica che permette di ridurre rifiuti e i costi del loro smaltimento, di prevenire la produzione di inquinanti atmosferici e di migliorare le proprietà biologiche del terreno.

Il compostaggio avviene tramite un semplice contenitore, chiamato compostiera, che trasforma i nostri rifiuti organici in fertilizzante.

L’amministrazione ha dunque deciso di mettere a disposizione venti compostiere da 300 litri da assegnare in comodato d’uso gratuito a coloro che, partecipando al bando comunale dall’11 ottobre al 9 novembre, rispettano i seguenti requisiti: essere residenti e possedere un angolo verde, come un orto o un giardino, sul territorio segusino.

Servizio su La Valsusa del 7 novembre.

Ilaria Genovese

© Riproduzione riservata