Susa

Le auto d’epoca rombano ancora in Val di Susa

Il club “MorotVej d’la Valsusa 22” ormai è come il Re Mida: trasforma in oro tutto ciò che organizza. Il rinnovato club, presieduto da Marco Becchio, anche a Traduerivi ha fatto il botto. Ormai è un sinonimo di successo, di colore, di amicizia. Il primo raduno stagionale tra Borgone, Mattie e Susa era andato alla grande, idem il 23 aprile a San Giorio per la festa patronale. Nuovo grande successo domenica 1° maggio a Traduerivi per il raduno “1° maggio, le Veje a muntu a La Frera”, organizzato in collaborazione con il Borgo. Il presidente Becchio fornisce i numeri del successo: “Domenica abbiamo avuto il piacere di iscrivere ben 76 mezzi tra auto, moto, vespe, buggy e anche Ciao Piaggio, che sono saliti alla Ferrera per fare il giro del Lago e le foto di rito prima di ritornare per il pranzo a Traduerivi, con sosta aperitivo al ristorante La Farandula di Venaus”. Un successo e quindi tempo di ringraziamenti per Becchio: “Con grande piacere ringraziamo di cuore per la collaborazione il Borgo di Traduerivi, la Polizia municipale di Susa, il Comune di Venaus, la squadra Aib Moncenisio Novalesa ed il ristorante La Farandula. Un grazie poi a tutti i partecipanti che sono stati con noi a far festa e questa volta eravamo anche in tanti a pranzo, segno che la compagnia è buona”. La segretaria del club Samantha Riffero aggiunge due note di colore: “Stefano Marzo, il proprietario della Farandula, ci ha dato una bottiglia in omaggio che noi del direttivo abbiamo donato, per merito e coraggio, alla signora Michela Marzo di Venaus, che in sella al suo Ciao ha fatto tutti il giro con noi. C’è poi stato anche un intoppo con alcune macchine che si sono perse, ma prontamente le moto di scorta le hanno recuperate”.

Luca Giai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.