Una parte del Governo italiano vorrebbe congelare definitivamente la Torino-Lione ma in Francia si continua a scavare e l’Unione Europea aumenta la quota di finanziamento dell’opera. “Lunedì scorso è stato deciso dall’unione Europea che i finanziamenti relativi alla prossima programmazione per il corridoio mediterraneo nell’ambito dei progetti della per l’interoperabilità, la decarbonizzazione e la digitalizzazione saranno pari al 50%. Notizia importante che vale anche per la Torino-Lione e conferma quanto anticipato nei mesi scorsi”. A dirlo è l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco che ha partecipato in qualità di Presidente dell’AIPo alla visita delle coordinatrice Europea del Corridoio Mediterraneo Iveta Radicova che si è svolta a Mantova.

La disponibilità dell’Ue ad aumentare dal 40 al 50% il cofinanziamento dei lavori della Tav riguarda non solo il tunnel di base della Torino-Lione, ma anche le tratte nazionali di avvicinamento. Cosa che dimezzerebbe il costo per l’Italia della tratta nazionale.

© Riproduzione riservata