Un giovane extracomunitario ospitato in un centro di accoglienza dell’Alta Valle di Susa, ha rischiato di annegare nel pomeriggio di domenica 16 giugno nel Lago Grande di Avigliana.

Il ragazzo, sedicenne, giunto nella Baia Grande con alcuni amici ha pensato di fare una nuotata per mitigare gli effetti del caldo.

Qualche bracciata poi improvvisamente ha perso i sensi, forse per una congestione causata dall’acqua ancora molto fredda.

I suoi amici hanno chiesto aiuto e si sono buttati in acqua per sorreggerlo in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

I Vigili del Fuoco, prontamente intervenuti, hanno portato a riva il ragazzo e il personale del 118 lo ha rianimato con il massaggio cardiaco. Successivamente, il ragazzo è stato trasportato all’ospedale di Rivoli dove, tuttavia, le sue condizioni, nella notte fra domenica e lunedì, si sono aggravate a tal punto da condurlo alla morte.

© Riproduzione riservata