Come sta il trasporto merci attraverso le Alpi? A rispondere è la “D.G. MOVE” della Commissione Europea che nei giorni scorsi ha reso pubblici i dati sul trasporto merci attraverso le Alpi. Si tratta del Rapporto Alpifret 2018 elaborato dall’organismo in collaborazione con l’Ufficio Federale Svizzero dei Trasporti.

Dal documento emerge che l’interscambio economico dell’Italia con i paesi dell’Ovest Europa è in crescita e vale 209 miliardi di euro, con un saldo attivo di 21,6 miliardi.

Nel 2018 ben 45,3 milioni di tonnellate di merci trasportate via terra hanno oltrepassato i valichi con la Francia. Con quale mezzo? A fronte dell’incremento dei volumi di trasporto merci, il traffico ferroviario tra Italia e Francia continua a calare e in vent’anni ha perso quasi il 70%, passando da 11 milioni di tonnellate annue del 1997 (il 23% del totale trasportato), alle attuali 3,3 tonnellate del 2018 (7,3% sul totale).

Questo mentre il traffico merci da e per la Svizzera viaggia prevalentemente sul treno, con una percentuale del 7o%.

Insomma, sul versante italo francese è presente lo squilibrio modale peggiore dell’intero arco alpino, del tutto incoerente con l’obiettivo UE dell’Agenda 2030 che stabilisce il raggiungimento, per la quota del trasporto su “ferro”, del 30% al 2030 e del 50% al 2050. Ad oggi l’obiettivo 2050 risulta superato ai valichi svizzeri (70%) e quello 2030 sui valichi austriaci (30%).

Le merci nel trasporto tra Italia e Francia continuano quindi a “preferire la gomma”, complici linee e sistemi ferroviari inadeguati e obsloeti. E questo spiega perchè il 93% delle merci che attraversa il confine con la Francia viaggia su Tir e su autostrada ai valichi autostradali di Ventimiglia, Frejus e Monte Bianco, e su valichi minori come Monginevro e Maddalena con oltre 3,5 milioni di veicoli pesanti.

Tutto questo mentre la Svizzera, negli anni, ha investito 25 miliardi di euro per ridurre l’impatto ambientale di mezzi pesanti e leggeri sul proprio territorio realizzando ciqnue tunnel di base analoghi a quello progettato per la Torino-Lione e e portando la quota di trasporto ferroviario al 70% del totale sul traffico merci.

© Riproduzione riservata