Accordo tra Regione e Conisa sui minori stranieri non accompagnati: la giunta regionale ha approvato uno stanziamento di 50mila euro a favore del Consorzio socio assistenziale, impegnato nell’accoglienza dei migranti in Valle di Susa.

I fondi serviranno per l’attività di supporto ai minori stranieri che viaggiano da soli, nel tentativo di impedire che mettano a rischio la propria vita attraversando le Alpi nel periodo invernale.

“La nostra attenzione su questo problema è ancor più forte alla luce dei dati man mano resi pubblici – spiega l’assessora regionale Monica Cerutti – Secondo i nostri uffici sono diversi i minori stranieri non accompagnati diventati irreperibili nel 2017. Ufficialmente 12, ma in realtà sappiamo che sono molti di più. Persone che avevamo intercettato e di cui oggi non abbiamo più notizie”.

Rafforzare l’accoglienza dei minori era una delle azioni individuate come necessarie, durante il tavolo convocato prima dell’estate dalla Regione, che aveva messo insieme i sindaci dei Comuni di Bardonecchia, Clavière, Oulx, la prefettura, la Croce Rossa italiana, il Consorzio socioassistenziale della Val Susa e l’associazione Rainbow4Africa.

In questi giorni il tavolo decide come muoversi quest’inverno: con la stagione fredda si riproporranno le urgenze del passato: “Visto il contenuto del decreto sicurezza, appena diventato legge, temiamo – aggiunge l’assessora – che sempre più richiedenti asilo saranno spinti a lasciare il nostro Paese cercando di attraversare la frontiera”.

Un’emergenza alla quale occorre dare risposte concrete.

© Riproduzione riservata