Monsignor Cesare Nosiglia ormai è di casa al Polo di Protezione Civile di Bussoleno.

Lunedì 7 giugno il Vescovo di Torino e Susa è tornato in via Cascina del Gallo per verificare lo stato di avanzamento di alcuni progetti che stanno proseguendo celermente secondo il cronoprogramma prestabilito. Mattinata intensa perché di carne al fuoco ce n’è parecchia.

Ad accoglierlo all’ingresso del Polo il direttore della Caritas Diocesana Alessandro Brunatti con il responsabile locale del settore emergenze del Comitato di Susa della Croce Rossa Italiana Michele Belmondo e con il sindaco di Bussoleno Bruna Consolini.

E primo appuntamento di giornata è stato la presa visione del cantiere dove sorgerà il nuovo magazzino destinato a stoccare i pacchi alimentari per essere poi distribuiti sul territorio diocesano attraverso i canali della Caritas.

Un hub che rivestirà un ruolo strategico nell’approvvigionamento dei pacchi alimentari per poi gestire al meglio la distribuzione. Ed in tal senso ecco subito il secondo progetto già andato in porto: un nuovo Fiat Daily donato alla Caritas di Susa dalla Fondazione Lavazza che servirà per le consegne dei pacchi alimentari nelle Diocesi di Susa e di Torino.

La mattinata è poi proseguita con l’arrivo della delegazione del Rotary Club Susa e Val Susa con il presidente Claudio Pirazzini ed i soci Pierluigi Cavargna e l’avvocato Sergio Sibille.

Un incontro che ha sancito la consegna ufficiale dei pacchi alimentari che il Rotary Club Susa e Val Susa ha voluto devolvere alla Caritas Diocesana di Susa a favore delle famiglie in difficoltà.

I soci del Rotary hanno poi accompagnato il Vescovo Nosiglia nella visita della struttura del Polo Logistico di Bussoleno con anche l’incontro con alcuni migranti che hanno trascorso la notte ospiti della Croce Rossa.

Luca Giai

© Riproduzione riservata