Tempo qualche giorno e l’acqua gasata nei Punti Acqua della Smat si pagherà con il Bancomat o con le carte di credito dei circuiti Visa, Maestro e Mastercard.

“Con la nuova modalità di pagamento – fa sapere Smat – non sarà più necessario ricorrere all’apposito box per la ricarica, non sarà richiesto un versamento di denaro contante né sarà più necessaria la cauzione”.

Il nuovo sistema, infatti, prevede che su ogni Punto Acqua venga collocato un apposito lettore (POS) che consentirà il pagamento con la propria carta bancaria/postale o prepagata. E le vecchie SmartCart che fine faranno? I cittadini potranno utilizzarle fino ad esaurimento del credito (comprensivo anche della cauzione di 4 euro che, attraverso il lettore, sarà riversata automaticamente sulla SmartCard) oppure potranno chiedere a Smat il rimborso della cauzione.

Esaurito il credito disponibile sulla SmartCard, il cittadino potrà utilizzare la propria carta di pagamento, la cui abilitazione avverrà tramite i POS installati nei punti acqua. Al primo utilizzo, verrà richiesto di effettuare una ricarica di 5 euro che costituiranno un “borsellino virtuale” abbinato alla propria carta bancaria/postale. Tutte le operazioni non avranno alcun costo aggiuntivo per il cittadino.

Per informazioni, i cittadini possono rivolgersi al numero verde 800100010 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30.

© Riproduzione riservata