Hanno trascorso qualche sabato sera “alternativo” in città, a Torino, nei salotti buoni della città dove, ai margini, sui marciapiedi, ci sono gli “ultimi”, i senzatetto; quelli che per Papa Francesco sono gli “scarti della società” e che i giovani e i volontari che, ogni sabato sera, accompagnano don Antonello Taccori in un’opera di assistenza e sostegno, definiscono i “nostri fratelli di strada”.

Un’esperienza profonda, di quelle che segnano e che ha convinto i ragazzi e le ragazze del Clan del gruppo Scout Sant’Antonino 1° a donare ai lettori de La Valsusa le loro emozioni e le loro riflessioni.

Lo hanno fatto con una serie di videointerviste, realizzate dai loro capi, Pier Lorenzo e Denise.

Servizio su La Valsusa del 25 febbraio.

Bruno Andolfatto

© Riproduzione riservata