Le note della Banda Musicale di Novalesa hanno accolto, la mattina di domenica 6 giugno, l’arrivo in paese di monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino e amministratore apostolico della Diocesi di Susa.

Particolarmente apprezzata dall’ospite quest’atmosfera gioiosa che ha avvolto il sagrato della parrocchiale di Santo Stefano.

Monsignor Nosiglia si è intrattenuto alcuni minuti con i presenti scambiando qualche battuta e ha osservato con curiosità l’abito tradizionale savoiardo, è quindi entrato in chiesa accompagnato da don Luigi Crepaldi, parroco di Novalesa.

Alla celebrazione ha preso parte anche un diacono della diocesi di Torino che accompagnava il vescovo.

A fare gli onori di casa erano presenti alcuni amministratori comunali fra cui il vice sindaco Pier Luigi Chiaudano, gli uomini e le donne in abiti tradizionali, i membri delle confraternite religiose, i bambini che frequentano il catechismo.

Nella giornata in cui si celebrava il Corpus Domini, vale a dire la solennità del Santissimo Corpo e Sangue del Signore, l’omelia dell’arcivescovo ha approfondito il tema dell’Eucarestia, strumento di pacificazione, unità e comunione.

Servizio su La Valsusa del 10 giugno.

Sara Ghiotto

© Riproduzione riservata