Nel pomeriggio di sabato 28 aprile la Casa degli Affreschi ha ospitato il primo evento della stagione intitolata “Novales’Art” per il quale l’Associazione Culturale Novalicense aveva invitato la Segusium, Società di Ricerca e di Studi Valsusini. Il presidente Germano Bellicardi e il suo vice Livio Dezzani sono stati invitati a parlare della loro associazione, dei lavori e del ruolo del paese della Val Cenischia nella storia attraverso due relazioni: “Novalesa nel cammino di Santiago” a cura di Bellicardi e “Novalesa, Comune d’Europa” a cura di Dezzani. A fare gli onori di casa ci ha pensato Francis Buffille, direttore dell’associazione “Arte, Cultura e Tradizioni a Novalesa in Val Cenischia”, che ha ringraziato il pubblico e presentato i due relatori. Germano Bellicardi ha preso la parola per fornire una visione storica e cronologica della Segusium e mostrare il ruolo importante della Società nella conoscenza e nella preservazione della storia locale in Valle. Ha quindi descritto il ruolo di Novalesa nella storia e la posizione strategica sulla strada del Moncenisio, una strada che ha avuto, a seconda delle epoche, diverse funzioni, tra cui quella di condurre i pellegrini sul cammino di Santiago. Nel suo intervento, Livio Dezzani ha rimarcato ancor di più il ruolo di Novalesa nella storia definendola una tappa obbligata per i viaggiatori che percorrevano la strada del Moncenisio, da Parigi a Roma e oltre. Dal più anonimo pellegrino ai più grandi personaggi, tutti si sono fermati a Novalesa dove si è fatta un po’ di storia della Savoia, del Piemonte, della Francia, dell’Italia e forse dell’Europa. Ragion per cui oggi Novalesa, paese medioevale noto per la sua abbazia millenaria, merita di essere valorizzata e protetta. Francis Buffille, con il suo collaboratore Pierre Allio, la presidente Rita Picone e l’assessore alla Cultura del Comune Tiziana Roccia hanno ringraziato gli intervenuti mentre i relatori hanno annunciato che organizzeranno un nuovo un incontro nella località della Val Cenischia.

Sara Ghiotto

© Riproduzione riservata