Il giavenese Manuel Morisciano torna in libertà. Il 22enne, coinvolto nella tragica sparatoria dell’Aquila del 12 gennaio 2017, è stato infatti assolto dalla pesante accusa di omicidio volontario premeditato per la morte del biker Alessandro Gino, colpito da un proiettile di rimbalzo e poi morto dopo una settimana di agonia. Derubricata in lesioni colpose l’altra accusa, quella di tentato omicidio per il ferimento di Pierluigi Ozzello, rimasto a terra quella sera di un anno e mezzo fa con una gamba rotta. Articolo completo su La Valsusa del 12 luglio.

Anita Zolfini

© Riproduzione riservata