nuovo Volantino Open Valley 4giu20

Parte il progetto Open Valley

OULX. “Open Valley” è il progetto di Sorveglianza, Informazione e Formazione – Covid 19 in Alta Valle, uno screening epidemiologico per capire come la popolazione dell’Alta Valle Susa ha reagito al Covid – 19, che si apre domani, domenica 7 giugno 2020 (qui la presentazione).

Per la prima giornata i posti disponibili sono già esauriti con i Sindaci in prima fila per testare “Open Valley”, infatti, appena divulgato il progetto, riferiscono gli organizzatori che le prenotazioni per i primi due giorni di test sono subito state numerosissime “e molti cittadini hanno già prenotato il loro test per le date a venire. Non solo. A dare il via alla sperimentazione saranno proprio i Sindaci dell’Alta Valle Susa, delle due Unioni Montane Alta Valle Susa e Comuni Olimpici Via Lattea che daranno l’esempio ai loro cittadini, nell’appuntamento per i primi test del  Progetto di Sorveglianza, Informazione e Formazione – Covid 19 in Alta Valle domenica 7 giugno alle ore 10“.

Mercoledì sera 3 giugno lo screening epidemiologico era stato presentato ai Sindaci e Amministratori Comunali dell’alta valle presso la sala consiliare del Comune di Oulx, alla presenza anche del dottor Mauro Occhi, responsabile del distretto Val di Susa e Val Sangone dell’Asl To 3 che ha confermato come il progetto sia stato autorizzato dall’Asl.

Il coordinatore del progetto Paolo De Marchis ne riassume le finalità: “Per allestire questo progetto non abbiamo guardato alle etichette, ma ricercato competenze. Vorremmo riuscire a realizzare una fotografia del territorio, ma anche a fare informazione e formazione alla cittadinanza. Un progetto che fa della serietà e della rapidità i suoi capisaldi e abbiamo subito avuto l’appoggio di pubblico, privato e volontariato. Un progetto che è replicabile anche in altri Comuni, purché siano rispettati gli standard che il Comitato Scientifico ha individuato per questo screening”.

Gli organizzatori spiegano come si svolgerà lo screening epidemiologico:

  • Il tutto sarà concentrato presso il centro commerciale “le Baite” di Oulx che è anche sponsor dell’iniziativa, aprendo di fatto la strada ad altri potenziali finanziatori, con anche la possibilità di scarico fiscale del contributo.
  • Nell’autorimessa del “Brico” è stata riservata e circoscritta un’area apposita per un percorso inteso a stazioni dove opereranno medici, personale sanitario e volontariato, oltre a docenti universitari che rappresentano il valore aggiunto. 
  • Sono infatti previste sei stazioni. 
  • Dopo l’accoglienza, il cittadino verrà intervistato per avere un quadro della sua situazione, dopodiché effettuerà il test. 
  • In attesa dell’esito avrà la possibilità di seguire un percorso educativo su temi sanitari ed infine avrà il risultato dal medico.
  • Se il cittadino risulterà positivo al test, verrà immediatamente sottoposto al tampone che in accordo con l’istituto CDC Laboratorio di Torino darà esito certo dopo sole 24 ore con segnalazione al Sistema Piemonte, grazie all’avvallo dell’Asl”.

Si parte dunque domenica con il tutto esaurito, ma le prenotazioni ovviamente continuano rivolgendosi al numero dedicato 334254 97 83 o all’indirizzo mail info@pasauze.org ricordando che per effettuare il test sierologico è richiesto un contributo di 15 euro per i residenti in uno dei Comuni delle due Unioni dell’Alta Valle Susa e di 30 euro per i non residenti, comprensivo di tampone per test molecolare in caso di positività.

© Riproduzione riservata