“Cari fratelli e sorelle, sono lieto di annunciare che il 29 giugno, terrò un Concistoro per la nomina di 14 nuovi cardinali. La loro provenienza esprime l’universalità della Chiesa che continua ad annunciare l’amore misericordioso di Dio a tutti gli uomini della terra. L’inserimento dei nuovi cardinali nella diocesi di Roma, inoltre, manifesta l’inscindibile legame tra domenica scorsa  ieri, in cui ha annunciato direttamente ai 30mila fedeli presenti i nomi dei nuovi cardinali: “Sua Beatitudine Louis Raphaël I Sakopatriarca di Babilonia dei caldei; mons. Luis Ladariaprefetto della Congregazione per la dottrina della fede; mons. Angelo De Donatisvicario generale di Roma; mons. Giovanni Angelo Becciusostituto per gli affari generali della Segreteria di Stato e delegato speciale presso il Sovrano militare ordine di Malta; mons. Konrad Krajewski elemosiniere apostolico; mons. Joseph Couttsarcivescovo di Karachi; mons. António dos Santos Martovescovo di Leiria-Fátima; mons. Pedro Barretoarcivescovo di Huancayo; mons. Desiré Tsarahazanaarcivescovo di Toamasina; mons. Giuseppe Petrocchiarcivescovo dell’Aquila; mons. Thomas Aquinas Manyoarcivescovo di Osaka”. Insieme a loro, Papa Francesco ha deciso di unire ai membri del Collegio cardinalizio “un arcivescovo, un vescovo e un religioso che si sono distinti per il loro servizio alla Chiesa”. Si tratta di mons. Sergio Obeso Riveraarcivescovo emerito di Xalapa; mons. Toribio Ticona Porcoprelato emerito di Corocoro; padre Aquilino Bocos Merinoclaretiano. “Preghiamo per i nuovi cardinali, affinché, confermando la loro adesione a Cristo, sommo sacerdote misericordioso e fedele, mi aiutino nel mio ministero di vescovo di Roma per il bene di tutto il Santo Popolo fedele di Dio”, l’augurio del Papa. Con le nuove porpore del 29 giugno, il Collegio cardinalizio sarà formato da 227 cardinali, di cui 125 elettori e 102 non elettori. 53 provengono dell’Europa, 17 dall’America del Nord, 5 dall’America Centrale, 13 dall’America del Sud, 16 dall’ Africa, 17 dall’Asia e 4 dall’Oceania.

© Riproduzione riservata