Alta Valle

Pragelato, giovane lupa ferita recuperata dai sanitari del Canc

È stata affidata alle cure dei sanitari del CANC, il Centro Animali Non Convenzionali della Struttura didattica speciale Veterinaria dell’Università di Torino, la giovane lupa recuperata venerdì 29 aprile in condizioni precarie a Pragelato.

Il recupero è stato effettuato a seguito della segnalazione giunta al responsabile della vigilanza dell’Azienda Faunistica Albergian. Ad effettuare l’operazione è stato il personale del CANC impegnato nel progetto “Salviamoli Insieme” per conto della Città Metropolitana di Torino, la cui Funzione specializzata tutela fauna e flora è convenzionata con il centro veterinario universitario di Grugliasco.

La lupa è stata recuperata con la collaborazione del responsabile degli agenti di vigilanza del parco della Val Troncea e di alcuni suoi collaboratori, alla presenza del direttore dell’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie e sotto la supervisione clinica del veterinario convenzionato con il Parco. L’animale è stato anestetizzato e portato al CANC, dove è attualmente sotto terapia.

La visita a cui è stata sottoposta la lupa ha evidenziato una grave lezione da morso sulla testa. La ferita era infestata dalle larve di mosca e lo stato generale di salute dell’animale, molto magro e disidratato, era pessimo. Si suppone che la ferita alla testa sia dovuta ad un combattimento con uno o più simili per la spartizione di un pasto.

Al momento del recupero la lupa pesava 15 chili e non presentava fratture agli arti, anche se chi l’ha avvistata ha fatto presente che non riusciva a camminare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.